Cibo Nostrum 2014 Press

EnoNews – CIBUS NOSTRUM 2014: STELLE A ZAFFERANA

cibo-nostrum-1

logo-eno-newsdi Agata Faro

Zafferana brilla di stelle luminose! Lo scorso 14 aprile importanti nomi dell’eccellenza gastronomica italiana hanno profuso un tocco di estro e di indiscussa fantasia ai piatti presentati in occasione della terza edizione di “Cibus Nostrum”, svoltasi all’Hotel Esperia Palace di Zafferana Etnea.
Lo chef Seby Sorbello, presidente dell’associazione Provinciale Cuochi Etnei, con la collaborazione della Federazione Cuochi Italiani, ha messo sul fuoco anche quest’anno un programma ricco volto alla valorizzazione dei prodotti siciliani che trovano ingresso sempre di più nei mercati internazionali.
La manifestazione ha incontrato il favore di circa 400 ospiti che hanno avuto modo di partecipare ai temi in programma: “Pasta Party” e  laboratori di approfondimento su due prodotti siciliani conosciuti in tutto il mondo per la loro tipicità : “il pomodoro di Pachino” e  “l’arancia rossa”.
Ed è proprio attraverso l’ottima gastronomia e all’eccellenza dei prodotti coltivati nella nostra Sicilia che, si spera, il nostro territorio si arricchisca di turisti e compratori.
Le giornate trascorrono con molto interesse ed entusiasmo fino ad arrivare alla tanto attesa cena di gala. Le stelle Pietro D’Agostino, Vincenzo Candiano, Gennaro Esposito, hanno illuminato la grande sala sfoggiando piatti semplici ed utilizzando prodotti siciliani; la presentazione delle portate ha lasciato stupefatti. Essi sono le Stelle che, con la loro creatività, fanno brillare i nostri occhi.

Pietro D'AgostinoVincenzo CandianoGennaro Esposito

 

 

 

 

 

 

Curiosa la portata elaborata dallo chef Sorbello “Pisci d’ovu”: avanzi d’uovo sbattuto e pangrattato, piatto povero di 10 lustri addietro eppure interessante nella presentazione, adagiato su un filetto di merluzzo e decorato con uno gnocco di cotenna e una gelatina di schiuma di pomodoro di Pachino.
E per i più golosi i Maestri pasticceri Salvatore e Giovanni Cappello preparano dolci con mandorle esclusivamente siciliane e lamponi coltivati nella provincia di Palermo.

 

 

 

 

 

 

Il giorno dopo, una dura prova è riservata ai giornalisti, ovvero alle “Penne Bruciate”: avete la passione per la cucina? E allora  preparate voi le pietanze che saranno valutate da una giuria di chef. E nessuno insinui “In bocca al lupo agli chef”!
Evento magnifico per i contenuti trattati e per la passione che tutti trasmettono nell’adoperarsi nella realizzazione di questa manifestazione che, seppure ancora fanciulla, promette di diventare… grande!

Leave a Comment